20.000

contributi dei portatori di interessi esaminati

700 km

lunghezza totale della linea di trasmissione HVDC

Attualmente in visione

La sfida

L'ambizioso progetto tedesco per la trasformazione energetica su scala nazionale (Energiewende) prevede la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio e libera dal nucleare. L'obiettivo del Paese è ricavare almeno l'80% di energia elettrica da fonti rinnovabili entro il 2050. Tuttavia, poiché le fonti di energia rinnovabile saranno decentralizzate (l'energia eolica verrà prodotta a Nord, mentre quella solare a Sud), Energiewende necessita di diverse infrastrutture che garantiscano una fornitura affidabile di energia elettrica.

Per la distribuzione dell'energia elettrica pulita si è quindi deciso di utilizzare linee di trasmissione di corrente continua ad alto voltaggio (HVDC). Tuttavia, quando vengono installate per centinaia di chilometri sopra il livello del terreno, può capitare che queste autostrade dielettricità attraversino terreni privati rischiando di provocare un impatto negativo sugli ecosistemi locali. Di conseguenza, le persone che dovrebbero beneficiare della trasformazione si sono trovate di fronte a un dilemma: sostenere un progetto che stravolge l'equilibrio dell'ambiente circostante oppure opporsi e rallentare la transizione energetica del paese, a cui molti di loro sono favorevoli?

La soluzione

In joint venture con alcuni partner di cooperazione, Arcadis ha fornito una combinazione unica di servizi per la progettazione e lo sviluppo di una linea di trasmissione HVDC di 700 km che garantisse il successo della Energiewende. Nostro compito è stato quello di definire un processo che assicurasse il sostegno della popolazione attraverso attività di consultazione relativamente a un'area di circa 180.000 km2. In base alle nostre analisi, un approccio "classico" che prevede lo sviluppo di un progetto e l'ottenimento dei necessari permessi prima di consultarsi con la popolazione, avrebbe potuto creare resistenze anziché sostegno. Per questo motivo, abbiamo avviato il processo informando innanzitutto la popolazione in merito ai dettagli e ai vantaggi del progetto. Abbiamo quindi offerto loro occasioni di confronto in cui partecipare attivamente ed esprimere eventuali preoccupazioni prima dell'inizio delle attività di sviluppo. Assicurare una comunicazione coerente, chiara e veloce, tuttavia, non è così semplice come sembra, soprattutto quando si entra in contatto con decine di migliaia di portatori di interessi.

Il nostro team ha sviluppato una soluzione software chiamata mapARC, un sito web dedicato al progetto che si rivolge al pubblico ed è collegato a un sistema informativo geografico basato sul web (WebGIS). Tramite questo sito web, gli utenti online possono consultare i dati relativi al progetto sulla piattaforma GIS e porre domande la cui risposta può essere inviata direttamente da Arcadis oppure dal cliente e i partner di progetto. Chi visita il portale GIS può leggere le domande pubblicate da altri (e rese anonime); in questo modo si aumenta la consapevolezza sul progetto evitando ripetizioni. mapARC ci ha consentito di gestire in maniera efficace 20.000 commenti e richieste provenienti dai portatori di interessi e di integrare nella fase di sviluppo 7.000 commenti che avevano una rilevanza per il progetto.

L'impatto

Grazie all'impiego di un nuovo approccio per lo sviluppo del progetto e all'uso della tecnologia per raccogliere e rispondere in maniera efficace agli input dei portatori di interessi, siamo stati in grado di garantire il sostegno della popolazione. Le consultazioni hanno messo in luce i temi che più stavano a cuore alle persone, come la natura, la tutela della biodiversità e l'impatto sulle risorse idriche e sull'agricoltura. Il team di progetto ha potuto constatare come la popolazione fosse favorevole alla transizione verso l'energia rinnovabile, ma allo stesso tempo desiderasse conciliare gli obiettivi di questa iniziativa nazionale con le necessità di chi sarà influenzato direttamente dall'installazione delle nuove linee per l'energia elettrica.

Il progetto è stato quindi sviluppato in modo da tenere conto di queste necessità, e il governo ha infine deciso di finanziare la costruzione di linee di trasmissione HVDC sotterranee. Dal punto di vista del cliente, il nostro lavoro ha garantito i permessi di pianificazione necessari e ha consentito lo svolgimento del progetto entro i termini e il budget previsti.

Le linee di trasmissione HVDC saranno la colonna portante del progetto nazionale che prevede la fornitura di energia affidabile e sostenibile per gli alloggi, le imprese e per intere comunità. E, soprattutto, la Germania sarà sulla buona strada per ridurre considerevolmente la propria dipendenza dai combustibili fossili per la generazione di energia, contribuendo così alla creazione di un mondo a zero emissioni a vantaggio della popolazione.


Competenze applicate

Scrivi a {name} per avere informazioni e risposte

Arcadis will use your name and email address only to respond to your question. More information can be found in our Privacy policy