“La concezione scientifica del mondo non conosce enigmi insolubili". Lo diceva Hans Kelsen quasi un secolo fa, definendo l'uomo la misura di tutte le cose, dalla conoscenza alla realizzazione. Un’idea positiva che celebrava un’illimitata fiducia nell’ingegno umano per la risoluzione di problemi attraverso un’appropriata unificazione della scienza.

 

Oggi, alla stessa maniera, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura, dedica una giornata mondiale all’ingegneria che promuove lo sviluppo sostenibile ed il progresso economico. Il World Engineering Day for Sustainable Development, nato da una Conferenza Generale del UNESCO nel 2019, quest’anno, il 4 marzo 2022, ricorda ancora una volta la necessità del rispetto degli impegni dell'Accordo di Parigi sul cambiamento climatico attraverso soluzioni concrete. Quelle soluzioni che l’uomo applica da millenni in opere di ingegneria capaci di interpretare la semantica del mondo animato ed inanimato, che traducono bisogni e problemi in opportunità di sviluppo, in trasformazioni positive a disposizione di tutte le comunità.

Soluzioni sostenibili che sono ancor più fondamentali, specie oggi, in un contesto socioculturale segnato da incertezze e precarietà, e nella piena consapevolezza dell’urgente necessità di un’azione che preservi l’ambiente nel minor tempo possibile. D’altro canto, così come avviene anche in Arcadis, l’ingegneria unisce le diverse scienze indispensabili a raggiungere ognuno degli obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, gli SGDs, e di fatto rappresenta quel modus operandi che è capace di una trasformazione olistica evolutiva, senza lasciare indietro nessuno. L’ingegneria è in tal senso strategica per la salute del pianeta, può generare l’unione dei popoli e dei generi, e così rappresenta lo strumento più operativo della Green Economy. Un concept applicato quotidianamente nei progetti di Arcadis, i quali seguono le indicazioni dei criteri ESG, ma non si limitano ad applicare norme e regole, puntano a cambiare il business as usual in business with extraordinary performances, mediante soluzioni innovative di ingegneria strategica che trattano: energia, acqua, materiali, rifiuti, mobilità, ambiente, biodiversità, etc. Il tutto in un contesto multidimensionale, il cui valore è nella sintesi che unisce scienze formali, empiriche ed applicate in ragione della complessità delle cose, senza pensare che vi siano problemi insolubili.

AUTORE

Antonello Magliozzi
Head of Sustainability Solutions
Head of Sustainability Solutions